Corbyn – La faccia sinistra dei laburisti Non facciamoci ancora fregare

L’elezione di Jeremy Corbyn come leader non era parte dei piani delle alte sfere del Labour Party (LP). Era chiaro che una significativa proporzione dei deputati che hanno aiutato la sua candidatura dell’ultimo minuto, supportavano uno o più dei candidati classici. L’intenzioe dei deputati e dei loro sostenitori era semplicemente di mantenere il marchio LP come di ampi orizzonti. Dopo 20 anni quando la tradizionale votazione allo stato interventista e allo stato sociale ha lasciato il posto ai tagli e all’austerità, si è reso ancora necessario presentare la sinistra con opzioni senza rischi all’interno del laburismo. Corbyn doveva essere il capro espiatorio radicale, destinato a sparire entro il secondo round di votazioni con una pacca sulla spalla.

Comunque, il radicato compiacimento dei deputati è stato spazzato via. Dopo decenni di fede nella loro stessa propaganda in merito alla politica delle opportunità, cioè sfruttamento sfrenato, ora “leggera” austerità, hanno scoperto i limiti del loro auto-inganno. Scordando il discorso di Lincoln, credevano che potessero “fregare tutte le persone, tutte le volte”. Potremmo dilungarci su come questa, per la maggior parte giovani, gente è divenuta così delusa, ma c’è un lavoro molto più importante che deve essere fatto.

Il “Corbynismo” non offre alcun a via da seguire per la classe lavoratrice britannica. I seguaci di sinistra – le 57 varietà di stalinismo, trotzkismo e social-democrazia di sinistra – stanno già adorando l’altare di Corbyn. Per i prossimi tempi continueranno a rifilare a chiunque li ascolti, le loro illusioni sul laburismo di sinistra.

Stato interventista e un nuovo leader non significano Socialismo!

Molti tra i più giovani simpatizzanti dei laburisti, che hanno comprato il diritto di voto per £ 3, sono stati portati in decenni di crisi con dei Primo Ministro di ineguagliata sgradevolezza come Thatcher, Blair e Cameron. Quindi non bisogna sorprendersi che avessero optato per Corbyn contro gli altri 3 candidati fatti della stessa vecchia pasta.

Corbyn si presenta come un vecchio “sinistro” dei Laburisti, che è in Parlamento dal 1983, ma conserva ancora un certo grado di empatia con coloro che hanno sofferto sotto i governi successivi, sia laburisti che non. Comunque il suo appeal con l’elettorato laburista ha un fondamento basato su illusioni riformiste e il falso assunto che il socialismo è solo uno stato ben intenzionate guidato da persone ben intenzionate. Questa fantasia utopistica sia non rappresenta la vera essenza del socialismo e finge che ci sia una continuità tra il sistema vigente e un futuro senza sfruttamento.

Corbyn ha presentato una piattaforma di dieci punti che chiede "una più equa, più gentile Gran Bretagna basata su innovazione, posti di lavoro dignitosi e servizio decente.

Queste sono un misto di promesse, impossibili da realizzare nel corso di una crisi capitalista, e echi della nazionalizzazione e dello stato di intervento attuato dal governo laburista di ristrutturare il capitalismo britannico dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.

La miscela è facile da vedere nel primo punto “La crescita non austerità – con una banca d'investimento nazionale, per contribuire a creare posti di lavoro di domani e ridurre sensibilmente il deficit. Giuste tasse per tutti – lasciando che le spalle più larghe portino il peso maggiore per sanare il bilancio”. Le dinamiche capitalistiche di base sono intatte, una banca di proprietà statale è dato un nuovo compito di sostenere le imprese capitaliste e di un sistema di sfruttamento a sua radice è misteriosamente reso giusto!

Non ha molto senso smontare i dieci punti uno per uno perché, sicuro come che la notte segue il giorno, le promesse si piegheranno e si modelleranno nel tempo. Tuttavia, dovremmo esaminare alcuni dei temi che attraversano un programma che è sia utopica sia minimalista.

Vi è un ardente desiderio per il “miglioramento” con nessun idea di come queste possano essere raggiunti in un mondo capitalista – “Provvedimenti sui cambiamenti climatici - per gli interessi a lungo termine del pianeta piuttosto che gli interessi a breve termine dei profitti delle imprese”.

In un elenco di simili vane illusioni promesse abbiamo “case decenti per tutti”, “Servizio sanitario completamente finanziato”, “Sicurezza sul posto di lavoro” e “uguaglianza per tutti”.

La lista liberal-benintenzionata è condito con “Basta guerre illegali” – come se la morte e la distruzione della barbarie del capitalismo possono essere sterilizzate dal quadro normativo del capitalismo internazionale.

Il pacchetto è completato con un impegno per la nazionalizzazione – “delle ferrovie e nel settore energetico”, “una banca di investimento statale”, ecc. – tanto amata dei credenti di sinistra nelle gioie della proprietà da parte dello Stato capitalista.

Corbyn fa rivivere il mito del vecchio laburismo, il partito laburista del periodo post-bellico: di uno stato generoso che fornisce protezione universale dalla culla alla tomba, in cui il capitalismo è stato temperato da misure economiche keynesiane, a lui tanto care, per alzare il tenore di vita. Il miraggio di una crescente prosperità per tutti, sotto il braccio dello stato pietoso, si è concluso con il collasso del boom del dopoguerra come i tassi di profitto è sceso e ha portato sulla crisi degli anni '70 e '80. Quando altri metodi keynesiani sono stati attuati per combattere la recessione e aumentando della spesa pubblica ha portato a inflazione e ha aumentato i tassi di interesse per frenare l'inflazione approfondito solo la crisi. Così nel 1976-77 è stato un governo laburista, che chiamato il FMI ad attuare i primi tagli al Servizio Sanitario Nazionale, ecc. È stato un primo ministro laburista che ha annunciato che “non si può spendere la vostra via d'uscita da una crisi”. Teoria economica keynesiana è stata completamente screditata e abbandonata. Oggi, con la redditività del capitale anche peggio negli anni '70 queste politiche sono solo mere illusioni. La classe capitalista non darà mai loro attuazione, come Blair, Mandelson e compagnia hanno così eloquentemente spiegato.

Naturalmente, per dimostrare che Corbynism non poteva completamente rompere con le esigenze del capitalismo c'è anche un impegno a “un disegno di legge di stato sociale minore”, ma la sinistra raggiungerà questo attraverso “investimenti e la crescita” – tutto in un momento in cui il capitalismo non è in grado di generare surplus sufficiente a mantenere i suoi livelli di profitto.

Rompere con il capitalismo, di sinistra e di destra

Il capitalismo è in crisi da oltre quarant'anni. Durante questo periodo i padroni hanno ripetutamente attaccato la classe operaia per cercare di ottenere un ripristino impossibile di redditività. L’ultima fase della crisi, dal 2008, ha visto “austerità” e di privazione in tutti i paesi “avanzati”. Across the globe the creeping horrors of war and barely believable deprivation and dispossession is the backdrop to the movements of masses of people.

Contro questa marea di barbarie, le illusioni in una alternativa riformista sono uno scherzo crudele. Molto di recente la sinistra ha spacciato le loro illusioni nel governo del partito Syriza in Grecia. Una vittoria elettorale di Corbyn potrebbe tradursi soltanto in una variante dell'esperienza greca. Prima la capitolazione totale e visibile alle forze del capitale internazionale, abbiamo avvertito: “Eleggere un governo mentre tutte le strutture politiche e statali economici capitalisti rimangono intatti, non offre nessuna prospettiva di progresso. Immaginare che un singolo stato nazione capitalista può fuoriuscire dall’economia globalizzata è il coronamento in questa torre di falsificazione”.

La terra promessa di Corbyn è un miraggio proposto dai ciarlatani di sinistra e dai sognatori. Contro le realtà di austerità esistente e le chiamate senza speranza per un capitalismo gentile, gli internazionalisti si lottano per la distruzione di questo sistema oppressivo marcio in tutto il mondo. Il futuro dell'umanità dipenderà dall'organizzazione della classe operaia su una base completamente diversa da tutti i partiti della classe dominante per abbattere il sistema esistente e porre le basi per una “libera associazione di produttori” senza Stati, confini e sfruttamento .

Chiamiamo tutti coloro che condividono questa visione a lavorare con noi e contribuire a costruire la la Tendenza Comunista Internazionalista per aiutare in questo compito storico. Più che mai – “Non abbiamo nulla da perdere, ma le nostre catene!”.

KT
Lunedì, October 12, 2015

Battaglia Comunista

Mensile del Partito Comunista Internazionalista, fondato nel 1945.

Abbonamento annuale: € 15,00 (10 numeri)