I lavoratori in Iran mostrano la strada

L'ultima ondata di proteste e scioperi in Iran è la continuazione di oltre un decennio di lotte. Sebbene la classe operaia iraniana debba affrontare molti ostacoli, gli eventi, assumendo una dimensione internazionale, potrebbero potenzialmente innescare una scintilla che accenda un più ampio movimento operaio al di là del solo Iran.

Una risposta alla crisi capitalistica

In Iran, la crisi economica è stata per decenni una caratteristica regolare della vita dei lavoratori, ed è peggiorata con la pandemia di COVID, che ha causato migliaia di morti o danni permanenti per il resto della loro vita a causa della negligenza dello Stato iraniano. Quasi un quarto della popolazione iraniana si trova ora in condizioni di estrema povertà e, con l'aumento dell'inflazione, questa popolazione già devastata fatica a permettersi anche beni di prima necessità come cibo e acqua. Tutto ciò è culminato in un gran numero di lotte negli ultimi anni, a partire dai lavoratori di Haft Tappeh e dai loro scioperi, seguiti da insegnanti, lavoratori del settore petrolifero e petrolchimico. Molti altri stanno scioperando semplicemente perché non vengono pagati per mesi e mesi, il tutto in un contesto di aumento del costo della vita.

Tuttavia, accanto a questi eventi, la morte di Mahsa Amini per mano delle autorità ha lanciato la più grave minaccia al regime. Questo brutale attacco a una donna innocente è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per una classe operaia iraniana sottoposta alla repressione dello Stato iraniano e delle sue forze di polizia e Guardia "rivoluzionaria". Dalla nascita del regime islamico alla fine degli anni '70, chiunque sia stato considerato un rischio per lo Stato iraniano è stato incarcerato, torturato, imprigionato o semplicemente giustiziato, compresi molti comunisti. Tutto ciò continua ancora oggi.

Tuttavia, queste azioni non hanno fermato la classe operaia iraniana, che continua a scioperare, protestare e marciare. Tuttavia, c'è un oceano di insidie che la classe operaia iraniana deve tenere d'occhio ed evitare.

Falsi amici

Diversi gruppi capitalistici, sia all'interno che all'esterno dell'Iran, hanno i loro programmi e vedono sia la crisi che la risposta della classe operaia come un'opportunità per il proprio guadagno. Non è una novità in Iran: nel 1979 fu Khomeini ad approfittare della crisi economica e del movimento di massa per far cadere lo Scià e poi, una volta assicurato il potere politico, schiacciare tutti i movimenti della classe operaia che non si allineavano, imitando le stesse tattiche della classe dominante prima di lui.

Oggi possiamo vedere una situazione simile ripetersi in Iran, poiché la crisi economica e le sue conseguenze hanno spinto la classe operaia iraniana a un punto di rottura e ha iniziato a muoversi. Nel frattempo, le classi dirigenti dei Paesi occidentali e i loro alleati hanno iniziato a chiedere un cambio di regime, sventolando persino la bandiera iraniana con il leone monarchico, simbolo del governo precedente al 1979. L'imperialismo occidentale sosterrà le lotte odierne contro il regime, ma i lavoratori iraniani non dovrebbero dimenticare che in passato ha addestrato la brutale polizia SAVAK dello scià per schiacciarli. E qualunque forza le grandi potenze imperialiste sostengano, sia essa monarchica o Mojahedin o altro, non sono altro che avvoltoi in attesa del loro prossimo pasto.

La realtà è che la crisi economica e le questioni sociali dell'Iran non saranno mai risolte da nessun cambiamento di regime che cerchi di mantenere intatto il capitalismo, ma è solo il movimento della classe operaia che può portare un vero cambiamento. I lavoratori hanno già dimostrato il loro potenziale in molti settori, con in testa l'ostinata resistenza degli operai di Haft Tappeh e dei lavoratori del settore petrolifero, che hanno riscoperto le loro assemblee e shura (consigli) del periodo immediatamente successivo al 1979. Questi non solo possono organizzare la resistenza, ma possono diventare la base di una nuova società operaia. Potrebbero persino diventare un'ispirazione per il resto della classe operaia mondiale.

Ma per ora i lavoratori di tutto il mondo devono esprimere la loro solidarietà ai lavoratori iraniani che stanno lottando per una prospettiva operaia indipendente. In definitiva, i lavoratori di tutto il mondo dovranno unirsi in un movimento internazionale e creare un sistema internazionale che, una volta per tutte, possa liberarsi dello sfruttamento e dell'oppressione che ci affliggono quotidianamente all'interno del capitalismo.

L'articolo sopra riportato è tratto dall'edizione attuale (n. 61) di Aurora, bollettino dell'Organizzazione Comunista dei Lavoratori (CWO).

Martedì 22 novembre 2022

Giovedì, November 24, 2022