Aggiornamenti

Adverts

Roma - Rivolte globali

Assemble pubblica

Le rivolte globali nella crisi mondiale - Quali prospettive per i rivoluzionari?

Nella crisi del capitalismo, la rivoluzione è possibile, il comunismo è necessario.

Giovedì 19 dicembre, ore 16:00 - Città Universitaria La Sapienza - Aula A (Daniel Bovet) Edificio Fisiologia Generale

Milano - Conferenza sul Venezuela

Conferenza / dibattito pubblico sul Venezuela

La morsa della crisi globale mette in evidenza la falsità della via bolivariana al socialismo. Non basta dare al popolo le briciole della rendita petrolifera per potersi dichiarare socialisti. Da Chavez a Maduro si è consumata l'ennesima frode nei confronti del proletariato venezuelano, lasciando sul terreno miseria e fame. Intanto gli imperialismi più forti già si muovono per accaparrarsi quello che resta del business del petrolio.

Sabato 16 marzo, ore 10:30

Milano - False promesse

CONFERENZA / DIBATTITO PUBBLICO

Reddito di cittadinanza, pensioni decenti,

false promesse ed illusioni che la crisi del capitalismo scioglierà come neve al sole.

Quella stessa crisi che sta eliminando da decenni ogni prospettiva di miglioramento delle condizioni di vita e occupazione per i lavoratori in questo sistema economico e sociale.

Milano - Guerra, crisi, rivoluzione

Conferenza / dibattito pubblico

Tra venti di guerra e crisi economica, l’attualità della prospettiva rivoluzionaria

Sabato 21 aprile, ore 15:00, presso la sede dell’Associazione Internazionalista Prometeo, Via Calvairate 1 – Milano

Torino - Rivoluzione russa

1917-2017 – Cent’anni dalla rivoluzione russa.

Attualità del progetto rivoluzionario e prospettive per la costruzione dell’alternativa al capitalismo, alle sue crisi e alle sue guerre.

Sabato 2 dicembre, ore 21:00, presso Caffè Basaglia - Via Mantova, 34 - Torino.

Milano - Rivoluzione russa

1917-2017 – Cent’anni dalla rivoluzione russa.

Attualità del progetto rivoluzionario e prospettive per la costruzione dell’alternativa al capitalismo, alle sue crisi e alle sue guerre.

Venerdì 27 ottobre, ore 21:15, presso la sede dell’Associazione Internazionalista Prometeo, Via Calvairate 1 – Milano.

Roma - Incontro

Incontro pubblico: 26 settembre 2017 alle 17, in via Efeso 2 - Roma.

Catania - Contro il referendum

Banchetto informativo

Contro la costituazione borghese

Contro la democrazia borghese

Contro il referendum borghese

Giovedì 1 dicembre 2016, siamo a Catania, Via Etnea (di fronte Villa Bellini), dalle ore 16:30.

Oltre a noi ad organizzare l'iniziativa - nella reciproca indipendenza politica - ci saranno il Collettivo Red Militant di Catania e altri compagni. Replicheremo insieme l'iniziativa nei prossimi sabati.

Ti aspettiamo!

Catania - Contro il referendum

Banchetto informativo

Contro la costituazione borghese

Contro la democrazia borghese

Contro il referendum borghese

Sabato 12 novembre 2016, siamo a Catania, Via Etnea (di fronte Villa Bellini), dalle ore 16:30.

Oltre a noi ad organizzare l'iniziativa - nella reciproca indipendenza politica - ci saranno il Collettivo Red Militant di Catania e altri compagni. Replicheremo insieme l'iniziativa nei prossimi sabati.

Ti aspettiamo!

Milano - Conferenza / dibattito pubblico

La crisi del capitale getta il mondo nella guerra, dall’Afghanistan all’Iraq, dalla Siria alla Libia. Per uscire da questa spirale perversa una sola via: preparare la rivoluzione.

Battaglia Comunista / P.C.Internazionalista organizza una conferenza / dibattito pubblico

Venerdì 20 maggio, ore 21:00

Presso la nostra sede in via Calvairate, 1 - Milano (citofono 126)

Tram 12 – Filobus 90 / 91 – Passante ferroviario stazione Porta Vittoria

Attività

Il virus è il capitalismo, il proletariato rivoluzionario è la cura

Volantino per le manifestazioni del 6 giugno, indette dal sindacalismo di base.

L'epidemia del coronavirus ha inceppato ma non fermato la macchina capitalista, funzionale a spremere profitto.

Incurante del contagio, anche nella sua fase più acuta la classe padronale-capitalista ha comandato migliaia di operai e lavoratori al proprio posto di produzione.

Minneapolis: brutalità della polizia e lotta di classe

Volantino in distribuzione, da parte dei nostri compagni e simpatizzanti USA dell’Internationalist Workers Group e di Klasbatalo, Canada, durante le proteste seguite all’omicidio di George Floyd, negli USA

I fascisti difendono i padroni strumentalizzando l’emergenza abitativa

Epidemie, crisi e fascismo - Frutti marci del capitalismo!

Mai come oggi, sia per le persone che per l’ambiente, il capitalismo mostra la sua dannosità. La classe sociale che detiene il vero potere nella società, i padroni, mira a una e una sola cosa: il profitto.

È per massimizzare il profitto che danno vita allo sfruttamento intensivo di donne e uomini nei luoghi di lavoro, e all’estensione della condizione di precarietà, miseria e sfruttamento nelle periferie urbane, sempre più malsane ed inquinate.

Il capitalismo cammina sui morti

L'epidemia del corona virus ha scosso alle fondamenta il sistema capitalista, un sistema marcio che per le sue stesse logiche e contraddizioni non riesce a garantire la salute e la vita di migliaia di persone. Mentre si contano ancora le vittime i padroni pensano solo a come fare ripartire la macchina del profitto. Se noi non sapremo opporci a tutto questo l'esito sarà sempre lo stesso: fare pagare il costo di questa crisi, ancora una volta, sulla pelle dei proletari. La nostra parola d'ordine è: superamento su scala internazionale del capitalismo.

Il capitalismo garantisce solo se stesso

L'epidemia del coronavirus ha inceppato ma non fermato la macchina capitalista, funzionale a spremere profitto.

Incurante del contagio la classe padronale e capitalistica ha comandato migliaia di operai e lavoratori al proprio posto di produzione.

Per la nostra classe se già in generale il rischio della salute e della nocività sono stati una costante, di fronte all'impellenza di ieri e di oggi di tenere aperte o far riprendere al più presto le produzioni, non esiste quarantena e garanzie di sorta.

Crisi, guerra e catastrofe ambientale - Non c'è alternativa alla rivoluzione sociale!

Socialismo o collasso sociale!

Volantino della Communist Workers’ Organisation, membro della TCI

Contro il razzismo, contro il capitalismo

Volantino per la manifestazione anti-razzista a Roma, il 10 novembre 2018.

Il decreto sicurezza messo in cantiere dall'attuale governo rappresenta un salto di qualità nel processo di criminalizzazione ed emarginazione della figura del migrante.

Report assemblea pubblica sul Venezuela

Il tre febbraio abbiamo tenuto a Milano una riunione pubblica sulla cosiddetta “rivoluzione venezuelana” di Chavez ed, in generale, sul Sud America. La necessità di organizzare tale iniziativa è stata suggerita dalla simpatia politica che questa esperienza ancora suscita in vasti settori della “sinistra” del Sud America e non solo.

Condizioni e lotte operaie

Sulla contrattazione nazionale - La borghesia studia “nuove” strategie contro la classe salariata

La borghesia sta cercando di rianimare un capitalismo sempre più acciaccato e i suoi rappresentanti, non ultimi quelli più beceri, si affanno a trovare il modo per estorcere quanto più plusvalore possibile alla classe lavoratrice e/o a intensificarne la rapina. Vedi, a questo proposito, la cosiddetta “Quota 100” che, come abbiamo detto altre volte, è nei fatti una taglio alle pensioni (furto del salario differito) spacciato per una concessione.

Bielorussia: tra faide imperialiste e moti di classe

Dopo il contributo dei compagni della CWO, proseguiamo l'analisi di quanto avviene in Bielorussia, con queste ulteriori riflessioni.

Gli scioperi in Bielorussia si intensificano, il potere di Lukashenko vacilla

Venti di cambiamento in Bielorussia: né la dittatura né la democrazia hanno nulla da offrire alla classe operaia

Primo Maggio 2020 - Contro il virus del capitale

Altre volte, il proletariato mondiale è arrivato all'appuntamento del 1 maggio in situazioni drammatiche: quando la guerra imperialista mondiale lo costringeva a uccidere, morire e produrre per il suo nemico di classe – la propria classe capitalista – o quando la borghesia gli scatenava (e gli scatena) contro la propria macchina repressiva, per schiacciare le sue lotte dirette a rendere meno duro lo sfruttamento, a rendere un po' meno pesanti le catene dell'oppressione padronale.

Solidarietà di classe al lavoratore licenziato dalla cooperativa Ati

Il Partito Comunista Internazionalista esprime massima solidarietà al lavoratore licenziato che lavorava presso ATI, cooperativa in appalto del servizio d’igiene ambientali operante in alcuni comuni della Toscana, “colpevole” d'aver denunciato, in qualità di sindacalista, l’assenza dei dispositivi di protezione individuali ed il mancato rispetto delle Disposizioni nazionali per la regolamentazione delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, costantemente e colpevolmente disattese da tantissime aziende del settore.

Il virus è il capitalismo

L'epidemia del coronavirus si sta abbattendo su tutto il mondo. Ha sconvolto assetti sociali ed economici che parevano immutabili. Con la stessa forza e drammaticità ha messo a nudo il senso reale delle relazioni fra gli umani in questa società, basata sullo sfruttamento dell'uomo sull'uomo ai fini del profitto.

La lotta di classe ai tempi del corona virus

Cronaca parziale di episodi di lotta tra il 16 e il 21 marzo

La rassegna che segue è una piccola rappresentazione di quanto sta accadendo nel mondo, al di fuori dell’Italia.

Il coronavirus ha in qualche modo riunito la lotta di classe dei lavoratori in tutto il mondo sotto un’unico slogan: non vogliamo morire per i vostri profitti.

Il coronavirus non è uguale per tutti

Pubblichiamo ben volentieri questa corrispondenza di un compagno, che illustra, una volta di più, come la classe salariata sia per il capitale... carne da macello anche e non da ultimo in situazioni drammatiche come quella che stiamo vivendo.

Ciao Compagni,

vi scrivo un breve report riguardante la situazione lavorativa che sto vivendo.

Come credo voi sappiate, lavoro come operatore ecologico per una grande azienda dell'igiene ambientale .

Noi non siamo carne da macello - La lotta di classe ai tempi del coronavirus

Cronaca degli ultimi giorni

8 marzo. Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri prevede nuove misure restrittive nella zona rossa lombardo-veneta e sospensione di molte attività in tutta Italia, compresi i colloqui per i detenuti.

Notizie

2014-03-13

Nola (NA). Un disoccupato di Acerra si è impiccato nei bagni della sede Inps di Nola. L' uomo avrebbe scoperto di non avere più diritto all'indennità di disoccupazione.

ilmattino.it

2014-02-17

Napoli. Protestano i Lavoratori socialmente utili, occupando le scuole. Decine gli istituti scolastici che stamattina non hanno potuto aprire i cancelli.

Stipendi dimezzati (da 800 a 400 euro) e il rischio di perdere il lavoro.

ilmattino.it

2014-02-14

Acerra (NA). Sei disoccupati organizzati di Acerra sono finiti in una maxiretata della polizia, la notte del 13 febbraio. Quattro agli arresti domiciliari, per gli altri due disoccupati è stata applicata la misura restrittiva dell’obbligo di residenza.

ilmattino.it

2014-02-08

SARAJEVO, 7 febbraio. Protesta in Bosnia, i palazzi del potere vengono dati alle fiamme oltre duecento.

Cominciati a Tuzla due giorni fa, le protestesi sono man mano estesi ad altre città . In prima linea gli operai di diverse aziende locali che dopo le privatizzazioni, sono sull'orlo del fallimento.

Un anno senza stipendio, 14 anni senza contributi versati, 15 anni con 25 euro al mese, ec ecc

Le manifestazioni con migliaia di persone in piazza sono sfociate in disordini, scontri con la polizia e distruzioni, con un bilancio ancora provvisorio di quasi duecento feriti e decine di arresti.

fonte ansa.it

2014-02-05

Afragola (NA). Un operaio Fiat si è ucciso, impiccandosi in casa . Era in cassa integrazione da quasi sei anni, stava attraversando un periodo di depressione dovuto alla mancanza di lavoro e a questioni di carattere familiare.

Si trovava in cassa integrazione a zero ore dal 2008, da quando è stato trasferito da Pomigliano al reparto di Nola.

fonte corrieredelmezzogiorno.corriere.it

2014-01-27

ROMA - Torna la protesta nel Cie di Ponte Galeria, a Roma. In 13 ieri sera si sono cuciti la bocca. Sono marocchini, provenienti da Lampedusa, sette sono gli stessi che si cucirono la bocca prima di Natale.

Gli immigrati hanno annunciato che faranno lo sciopero della fame.

ansa.it

2014-01-25

Pomigliano (NA). Un gruppo di dipendenti della Tiberina ha dormito nel capannone dello stabilimento di Pomigliano, protestano il licenziamento.

E' in corso un il confronto tra i responsabili della Tiberina e i sindacati confederali, l’impianto che produce pezzi la Panda è paralizzato.

I lavoratori hanno dichiarato lo sciopero a oltranza. Alcuni di loro hanno dormito nell’impianto, che si trova accanto alla Fiat di Pomigliano.

ilmediano.it

2014-01-24

BOLOGNA (23 Gennaio). Ancora una protesta dei facchini, che si sono presentati all'alba davanti ai cancelli della Granarolo per impedire il passaggio,dei camion carichi di latte.

corrieredibologna.corriere.it

Identificate quattro persone.

I lavoratori sono in rotta da mesi con le cooperative della logistica. Alcuni facchini si sono sdraiati sotto i camion per non farli passare. Dopo due ore di blocco gli agenti in tenuta antisommossa hanno liberato l'ingresso.

corrieredibologna.corriere.it

youtube.com

youtube.com

2014-01-14

Firenze, la notte del 13 gennaio una motrice è deragliata alla stazione Santa Maria Novella di Firenze e ha travolto un operaio. Fabrizio, 34 anni, dipendente delle Ferrovie, è morto sul colpo. Lascia la moglie e un figlio.

corriere.it

2014-01-09

Pietre contro i poliziotti, cariche delle forze dell'ordine. Succede in Vietnam dove stanno costruendo una grande fabbrica Samsung. Le proteste sono scoppiate in seguito a un litigio fra una guardia e un operaio su questioni riguardanti le misure di sicurezza.

repubblica.it

youtube.com