Il proletariato prende il potere

Si conclude, con questo ultimo capitolo, la pubblicazione di “1917”, opuscolo prodotto dalla CWO. Seguite la sezione del sito dedicata al centenario della Rivoluzione d’Ottobre dove potete trovare tutti gli altri capitoli e tanto altro materiale che inseriremo nel corso del 2017… Buona lettura!

La sera del 24 ottobre il governo provvisorio aveva a disposizione poco più di 25.000 uomini. La sera del 25 ottobre, quando i preparativi erano in corso per la presa del Palazzo d'Inverno, i bolscevichi riuniscono circa 20.000 guardie rosse, marinai e soldati davanti a quest’ultimo rifugio del governo provvisorio. Ma all'interno del palazzo non c’erano più di 3000 uomini e molti di loro avevano lasciato le loro posizioni durante la notte. Grazie alla schiacciante superiorità dei bolscevichi non ci sono stati gravi scontri nella capitale dal 24 ottobre al 26 ottobre e il numero totale delle vittime da entrambe le parti non fu più di 15, con non più di 60 feriti.
Durante queste ore critiche, mentre tutti i principali punti strategici della città passavano sotto il controllo dei bolscevichi (centrali telefoniche e telegrafiche, ponti, stazioni ferroviarie, il Palazzo d'Inverno, ecc.), Pietroburgo continuava nel complesso la sua normale attività.
La maggior parte dei soldati è rimasta in caserma, le fabbriche hanno continuato a lavorare e nelle scuole non si sono perse lezioni. Non ci sono stati gli scioperi o le dimostrazioni di massa, che avevano accompagnato la rivoluzione di febbraio. Le sale cinematografiche erano piene, c’erano spettacoli regolari in tutti i teatri e la gente a passeggiava come al solito sulla prospettiva Nevskij. Una persona che non si occupava di politica non avrebbe nemmeno notato gli eventi storici che si stavano svolgendo. Anche sulle linee dei tram, la principale forma di trasporto pubblico nel 1917, il servizio è rimasto normale. Fu in uno di quei tram che Lenin, sotto mentite spoglie, e sua guardia del corpo Eino Rahya si sono diretti a Smolny la tardi sera del 24.

Così descrive la rivoluzione d’ottobre lo storico sovietico “dissidente” Roy Medvedev. Questa immagine di Lenin che va alla rivoluzione su un tram è corrisponde anche con la visione di Trotsky di quei giorni.

Dimostrazioni, combattimenti di strada, barricate - tutto ciò che è compreso nella solita idea dell'insurrezione - erano quasi del tutto assenti. La rivoluzione non aveva bisogno di risolvere un problema già risolto. Il sequestro della macchina governativa poteva essere fatto secondo i piani con l'aiuto di relativamente piccoli distaccamenti armati guidati da un unico centro ... il fatto stesso che la resistenza del governo si è ridotta ad una difesa del Palazzo d'Inverno, definisce chiaramente il posto occupato dal 25 ottobre in tutto il corso della lotta. Il Palazzo d'Inverno è stato l'ultima ridotta di un regime politico in frantumi nel corso dei suoi otto mesi sua esistenza e definitivamente disarmato nel corso delle due settimane precedenti.

La rivoluzione russa

Le classi privilegiate russe si aspettavano un'orgia di saccheggi e omicidi, caos politico e il crollo della moralità. Si trovano invece di fronte a una transizione ordinata che a loro doveva apparire ancora più terrificante. Le masse proletarie avevano mostrato che non avevano bisogno di governanti e che potevano trovare le proprie forme di governo. Naturalmente questo è stato in seguito trasformato in una critica alla Rivoluzione d'Ottobre da parte degli storici dei nostri nemici di classe, i quali hanno rappresentato la rivoluzione proletaria solo nei termini del suo atto finale. Hanno quindi diffuso la leggenda che si è trattato semplicemente di un putsch, un colpo di stato condotto da un gruppo piccolo e fanatico, mentre le masse se ne stavano passivamente sedute in disparte. È sorprendente che un tale mito non sia crollato sotto il peso della sua stessa assurdità. A parte il fatto che il partito bolscevico aveva 300.000 membri e che aveva il sostegno attivo di quasi tutti i soldati in Pietroburgo (circa 300.000 uomini), come sarebbe stato possibile per loro discutere della presa del potere sulla stampa leggibile da tutti per una quindicina di giorni prima dell'arresto finale del governo provvisorio? Ma dimostrare la natura proletaria della rivoluzione d'ottobre non è qui il nostro obiettivo, visto che la prendiamo come un dato di fatto. Quello a cui dobbiamo guardare sono le circostanze in cui la rivoluzione ha avuto luogo, questo per esaminare, non solo come il proletariato abbia fatto del partito bolscevico suo strumento, ma anche come le tattiche dei bolscevichi siano state testate nella complessa situazione del settembre e ottobre 1917.

I bolscevichi possono conquistare il potere statale?

Il destino dell'ordine borghese in Russia si è deciso nel momento in cui gli eserciti del Kaiser occupano Riga nell’agosto 1917. Al posto delle vittorie promesse ora c’erano i tedeschi pronti ad arrivare a Pietroburgo. Lenin aveva cominciato a invocare l’insurrezione dal momento in cui si era reso conto che gli altri partiti cosiddetti socialisti (i menscevichi e i S.R.), fedeli alla loro teoria di sostegno a un sistema borghese, non avevano intenzione di sostenere il potere dei soviet. Ma il comitato centrale bolscevico sembrava ignorare le sue lettere e, mentre Lenin restava in clandestinità, sembrava cedere ai tentativi di Kerenskij di ottenere sostegno al suo governo vacillante. All'indomani della sconfitta di Kornilov il governo provvisorio indice una "Conferenza democratica" per tentare di portare attorno al potere borghese i partiti rappresentati nei soviet. Con orrore di Lenin il comitato centrale bolscevico abbocca a questo stratagemma e partecipa al gioco (Lenin loda Trotsky per aver preso posizione a favore del boicottaggio dell’assemblea).

Il comitato centrale aveva anche accettato di partecipare al cosiddetto "Preparlamento" che Kerenskij sperava di utilizzare per legittimare la posizione del suo governo non eletto.

Nel testo “Dal diario di un pubblicista”, in cui denuncia il Comitato Centrale, Lenin risponde:

Non c'è il minimo dubbio che nella parte alta del nostro partito ci sono evidenti oscillazioni che possono diventare rovinose ... Non tutto va bene con i leader "parlamentari" del nostro partito; a loro deve essere rivolta una maggiore attenzione, su di loro ci deve essere una maggiore sorveglianza dei lavoratori... L’errore del nostro partito è evidente. Il partito in lotta non deve temere gli errori. Ciò che si deve temere è la persistenza di un errore ...

Opere scelte Vol II, pag. 340-1

Non solo i dirigenti bolscevichi intorno Kamenev persistevano negli errori, ma li aggravavano occultando tutte le critiche di Lenin al loro approccio alla Conferenza Democratica e al futuro dell'insurrezione.

Nonostante Lenin avesse scritto fiumi di parole per stimolarli all’azione, questi si assicuravano che i passaggi chiave fossero eliminati. Frustrato, Lenin presenta infine le sue dimissioni dal Comitato Centrale, ma "riservandomi la libertà di fare propaganda nella base del partito".

Senza neanche discutere questa lettera di dimissioni, il comitato centrale gli dà comunque la libertà di tenere corrispondenza privata con persone che si trovavano in altre organizzazioni del partito. Questo dimostra ancora una volta che Lenin non era, come fanno intendere tutte le cronache della rivoluzione russa, una figura isolata in lotta contro un partito mediocre. La sua lotta era contro una direzione del partito che aveva iniziato a preoccuparsi più della sopravvivenza del partito che della vittoria dei lavoratori. Una volta che il resto del partito fu consapevole delle questioni, seguì Lenin. Il miglior esempio ci è dato dal Comitato di Pietroburgo, quando viene a sapere della censura della discussione, si indigna con il Comitato Centrale. Di fatto la vera discussione circa la necessità di un'insurrezione ha avuto luogo nel Comitato Pietroburgo. Qui non c'erano elementi (come Kamenev) che volevano accordi coi menscevichi e che non avevano in realtà accettato l'orientamento internazionalista dei bolscevichi. Questa discussione si era sviluppata a partire dalle conferenze di Zimmerwald e Kienthal, all'inizio della prima guerra mondiale, e aveva preso una nuova forma programmatica nell’opera di Lenin “L’imperialismo, fase suprema del capitalismo”.

La questione internazionale era ora ovviamente tra le preoccupazioni dei bolscevichi. Nel dibattito sulla necessità dell’insurrezione l’oppositore più coerente di Lenin era Volodarky. Questi poneva l’attenzione sull’arretratezza della Russia e insisteva sul fatto che i bolscevichi avrebbero dovuto attendere perché la rivoluzione russa avrebbe potuto aver successo solo come parte di una rivoluzione mondiale. I sostenitori di Lenin concordavano sul fatto che il destino della rivoluzione russa dipendesse dal destino della rivoluzione mondiale, ma sostenevano che al proletariato dell’arretrata Russia veniva concessa un’opportunità che non era ancora stata offerta alla classe operaia di nessun altro paese. I lavoratori russi dovevano prendere il potere e mantenerlo fino alla sviluppo della rivoluzione in Europa.

L’argomento di non ritardare oltre prevalse. Lenin ha incastonato la posizione internazionalista nello scritto “La crisi è matura”. Questo testo, come molti altri di quel periodo, meritano di essere letti per intero, ma ci accontentiamo solo di alcune righe che indicano l’essenza internazionalista del bolscevismo.

La fine di settembre ha segnato senza dubbio una grande svolta nella storia della rivoluzione russa e, a quanto pare, della rivoluzione mondiale, nonché ... Questa fase può essere chiamato la vigilia della rivoluzione. Arresti di massa di leader di partito in l'Italia, e in particolare l'inizio di ammutinamenti nell'esercito tedesco sono sintomi indiscutibili che una grande svolta è a portata di mano, che siamo alla vigilia di una rivoluzione in tutto il mondo ... E poiché di tutti gli internazionalisti proletari di tutti i paesi solo noi russi bolscevichi godiamo di una certa libertà - abbiamo un partito legale e dei giornali, abbiamo i soviet ... di entrambe le capitali dalla nostra parte e abbiamo il sostegno della maggioranza del popolo in un momento rivoluzionario - a noi il detto 'a chi molto è stato dato, a lui molto più sarà richiesto', in ogni giustizia può e deve essere applicato.

Opere, vol. II, pag. 342-3

L’argomento conquistò il partito e il 10 di ottobre il comitato centrale vota a favore dell'idea di organizzare l’insurrezione. Questa non è stata semplicemente la vittoria di un uomo, e neanche di un partito, ma della classe operaia internazionale. Il problema ora era come dovesse avvenire l’insurrezione.

I soldati diventano bolscevichi

Come abbiamo dimostrato nel capitolo precedente, i bolscevichi hanno conquistato un enorme sostegno alle loro politiche ben prima che fosse indetto il secondo congresso pan-russo dei soviet. Di fatto l’80% dei delegati operai erano sostenitori dei bolscevichi. Ma ciò non significa che il proletariato fosse permeato di coscienza comunista perché questo sarebbe stato impossibile nella situazione vigente. Avevano però richieste concrete che si sono accumulate nel corso del 1917. Volevano la fine della guerra, della connessa penuria di cibo e dell’inflazione.

Hanno visto che la coalizione col Governo Provvisorio ha continuato la guerra. Inoltre i tedeschi continuavano ad avanzare verso Pietroburgo e in molti credevano che Kerenskij mirasse a lasciar cadere la città nelle mani nemiche allo scopo spezzare la rivoluzione. Significava che i bolscevichi, visto che erano l’unico partito che si opponeva alla guerra senza ambiguità e che aveva continuamente invocato “Tutto il potere ai soviet”, erano destinati a veder crescere il loro sostegno.

Nell’ottobre 1917 una caserma dopo l’altra vota per non obbedire agli ordini di andare al fronte e per ascoltare solo i soviet. Rappresentativa di queste risoluzioni è quella del reggimento della Guardia di Egersky il 12 ottobre:

L'allontanamento della guarnigione rivoluzionaria da Pietrogrado è necessaria solo per la borghesia privilegiata come mezzo per soffocare la rivoluzione ... Noi dichiariamo a tutti coloro che ascoltano che, pur rifiutando di lasciare Pietrogrado, presteremo comunque attenzione alla voce dei capi veri dei lavoratori e dei contadini poveri, cioè il Soviet dei lavoratori e soldati. Noi gli crederemo e lo seguiremo perché tutto il resto è puro tradimento e presa in giro aperta della rivoluzione mondiale.

Come citato in Rabinowitch, I bolscevichi al potere, pag. 227

L’approvazione di questa risoluzione è stata parte della lotta finale per il controllo delle forze di Pietroburgo. Il 9 ottobre Trotsky era in grado di ottenere una risoluzione, approvata nel Soviet di Pietroburgo, che invocava la pace, la rimozione del governo Kerenskij e, più significativamente, proponeva che la difesa di Pietroburgo fosse presa in carico dal soviet stesso. In conseguenza della sua accettazione questa proposta diede vita al famoso Comitato Militare Rivoluzionario, che il 25 ottobre ebbe il compito di coordinare la presa del potere. Contrariamente ai miti stalinisti, il comitato non è stato istituito come coordinatore premeditato del cambio di gestione. Lo è diventato solo perché i menscevichi rifiutano di prendervi parte. Il comitato era quindi composto unicamente dai bolscevichi e S.R. di sinistra che concordavano con la necessità di trasferire il potere ai soviet. Inoltre la risoluzione di istituire il Comitato Militare Rivoluzionario era stata presa prima che il Comitato Centrale Bolscevico avesse finalmente accettato le idee di Lenin su una presa immediata del potere. La prova finale del fatto che il Comitato Militare Rivoluzionario non era previsto che divenisse l'organizzatore della Rivoluzione d'Ottobre era che Lenin, e la maggior parte dei bolscevichi (con le eccezioni di Trotsky e Volodarski), guardavano all’organizzazione militare degli stessi bolscevichi per i preparativi pratici. La quale però all'interno del partito era stata così pesantemente criticata per l’avventurismo nel mese di luglio, che in questo momento non voleva di nuovo scottarsi le dita. Sono stati così cauti e prudenti con i loro preparativi che alla fine hanno giocato solo un ruolo sussidiario piuttosto che di primo piano.

La ragione principale di tutto è stata, come per molte questioni del 1917, la volontà imperialista della borghesia di continuare la guerra. La guerra aveva portato alla caduta dello zarismo e ora avrebbe finalmente portato alla fine della borghesia russa e dei loro cagnolini socialdemocratici che stavano nei partiti S.R. e menscevico. Kerenskij aveva bisogno della guarnigione di Pietroburgo al fronte, ma, visto che le truppe si erano messe sotto la guida del Comitato Militare Rivoluzionario e al fronte non ci sarebbero andate, si trovava in realtà di fronte a un ammutinamento. Quando Kerenskij e il suo comandante generale di Pietroburgo Polkovnikov lo capiscono, è ormai troppo tardi. Il Comitato Militare Rivoluzionario era riuscito a ottenere che nella maggior parte dei reggimenti fossero eletti commissari fedeli al Soviet. Quando Kerenskij si rende conto di avere nella capitale poche truppe affidabili, telegrafa per far venire altre truppe dal fronte. Gli viene risposto però che le truppe erano così “infestate di bolscevismo” che si sarebbero rifiutate di spostarsi a meno che non gli fosse stato spiegato il motivo. In breve, il governo provvisorio era già praticamente paralizzato. Quando Kerenskij il 23 ottobre finalmente si muove, è per chiedere l'arresto di tutti i bolscevichi liberi su cauzione dopo le giornate di luglio (tra questi c’erano tutti i capi militari del partito) e di chiudere la stampa bolscevica per sedizione. Ma per realizzare queste misure doveva far affidamento sui cadetti delle scuole di formazione degli ufficiali, un battaglione di donne e un reggimento di feriti di guerra. Il sequestro con la forza del giornale Trud dove si pubblicava Rabochii Put, un giornale bolscevico rivolto ai lavoratori, è per il Comitato Militare Rivoluzionario il segnale di reagire. Il giornale torna ben presto nelle mani dei lavoratori e le truppe fedeli al Comitato Militare Rivoluzionario convincono quelle che continuavano rispondere agli ordini di Kerenskij a rimanere neutrali. Come nel l’affare Kornilov, anche le truppe che venivano spostate verso la capitale sono convinte a non aiutare la controrivoluzione.

Militarmente non c'erano ormai ostacoli alla presa del potere da parte della classe operaia, ma rimaneva la questione del quando e del come. La discussione, che aveva imperversato nel partito bolscevico per tutto settembre, non era ancora risolta, nonostante il famoso voto del 10 ottobre. Mentre alcuni membri del Comitato Militare Rivoluzionario volevano il rovesciamento immediato di Kerenskij, altri bolscevichi vedevano ancora una tale rivolta come sbagliata o prematura. Trotsky riassume in modo corretto la situazione:

Il governo è impotente; Non ne abbiamo paura, perché abbiamo la forza sufficiente ... Alcuni dei nostri compagni, per esempio Kamenev e Riazanov, non sono d'accordo con la nostra valutazione della situazione. Tuttavia non propendiamo né a destra né a sinistra. La nostra linea tattica è stata sviluppata dalle circostanze in via di sviluppo. Cresciamo ogni giorno più forti. Il nostro compito è quello di difendere noi stessi e gradualmente ampliare la nostra sfera di autorità in modo da costruire una solida base per il Congresso dei Soviet di domani.

Citato in Rabinowitch, pag. 253

Naturalmente Lenin non apprezzava. Dopo sette settimane di campagna a favore di una rivolta immediata contro un nemico sconfitto, non poteva trattenersi. Per la seconda volta in un mese disobbedisce alle disposizioni del Comitato Centrale di rimanere nella clandestinità e prende il suo famoso tram verso i quartieri generali bolscevichi presso l'Istituto Smolny. Aveva già inviato un appello ai livelli più bassi del Partito esortandoli ad agire prima del Comitato Centrale, era un riassunto di tutto quanto aveva sostenuto in precedenza:

La storia non perdonerà i rivoluzionari per il fatto di procrastinare quando potrebbero essere vittoriosi oggi (e certamente saranno vittoriosi oggi), mentre rischiano di perdere molto domani, in realtà essi rischiano di perdere tutto. Se noi cogliamo il potere oggi, lo cogliamo non in opposizione ai soviet, ma per loro conto. Sarebbe un disastro, o una pura formalità, attendere il vacillante voto del 25 ottobre. Il popolo ha il diritto e il dovere di decidere su queste questioni, non col voto, ma con la forza, nei momenti critici della rivoluzione ... Il governo vacilla. Deve essergli dato il colpo di grazia a tutti i costi. Ritardare l'azione è fatale.

Di fatto entrambe le posizioni contenevano elementi importanti di verità. Trotsky aveva riconosciuto l’impossibilità dell’apparizione di un nuovo Kornilov.

Aveva visto che le cose si muovevano abbastanza rapidamente verso un epilogo finale (e Trotsky fu tra i più attivi nel garantire l’accelerazione del processo). Trotsky sapeva anche qualcosa che Lenin non sapeva, cioè che la composizione del Secondo Congresso Panrusso dei Soviet sarebbe stata in maggioranza schiacciante per il rovesciamento del governo provvisorio. Lenin temeva che avrebbe ancora contenuto menscevichi e S.R. in quantità sufficiente da rinviare ogni decisione sul potere dei soviet fino a quando l'Assemblea Costituente “che non può assolutamente esserci favorevole”, si sarebbe riunita. Voleva presentare gli altri “partiti socialisti” un fatto compiuto. Se i menscevichi l’avessero respinto si sarebbero smascherati di fronte alla classe operaia come borghesi.

L’ottobre proletario

La Rivoluzione d'Ottobre è stata definita la rivoluzione meglio programmata di tutti i tempi. Un proletariato militante, temprato nella lotta e che aveva il suo strumento politico nel partito bolscevico, ha preso il potere nella più ordinata delle azioni di massa nella storia. Questo però non deve far dimenticare alcuni elementi caratteristici del rapporto partito-classe. Il Comitato Centrale bolscevico non ha mai ha deciso la data dell'insurrezione. È stato semplicemente dominato dal procedere degli eventi ed è stato il Comitato Militare Rivoluzionario del Soviet di Pietroburgo, controllato da i bolscevichi, che ha diretto l'attacco finale. Anche qui, però, la vera direzione politica del partito bolscevico non stava nelle stanze del comitato di Smolny, ma nelle strade.

Quando Kerenskij, come aveva fatto nel mese di luglio, inviò i cadetti a chiudere i ponti sulla Neva (tagliando così i collegamenti tra il centro di Pietroburgo e i quartieri operai di Vyborg):

... sono stati sfidati da una folla irata di cittadini, molti dei quali armati. Costretti a rinunciare alle loro armi i cadetti sono stati scortati indietro alla loro accademia; per quanto se ne può sapere, questa azione ha avuto luogo senza alcuna direttiva specifica del Comitato Militare Rivoluzionario. Allo stesso modo, non appena iniziò la lotta per i ponti, Ilyin-Zhenevsky, agendo anche lui autonomamente, fece in modo che i soldati della guarnigione prendessero il controllo dei ponti Grenadersky e Samsonevsky ...

Rabinowitch pag.261

In breve, nonostante tutta la pianificazione e tutti i dibattiti, la rivoluzione non fu opera di una minoranza che semplicemente dirigeva una maggioranza passiva. I bolscevichi, in quanto centro di regia militare, non erano così preparati come rappresentato dai racconti stalinisti. Il loro vero successo come leadership della classe operaia fu di fornire al movimento di massa i chiari obiettivi che questo avrebbe potuto perseguire. Così il ponte Liteiny viene chiuso da lavoratori che agiscono per propria coscienza dell'importanza della situazione, mentre un singolo bolscevico (Ilyin-Zhenevsky) non aspetta istruzioni formali dal “centro”, ma può agire di propria iniziativa in conformità con le esigenze della situazione. Come abbiamo mostrato in questo documento, l’adeguatezza dei bolscevichi per il compito rivoluzionario non fu il risultato di una supposta infallibilità strategica e tattica, ma del fatto che si trattava di un partito veramente radicato nell’avanguardia cosciente della classe operaia e in grado di apprendere dai propri errori. In questo senso è stato l'organizzatore del proletariato nella Rivoluzione d'Ottobre.

Senza la sua direzione la Rivoluzione d'Ottobre sarebbe diventata un altro eroico fallimento da iscrivere in una lista storica già troppo lunga.

La prova finale della leadership dei bolscevichi sulle masse si trova nei numeri dei delegati al Secondo Congresso Panrusso dei Soviet: 300 per i bolscevichi e 193 per i S.R (di cui la metà erano S.R. Sinistra, che sostenevano il rovesciamento del governo provvisorio), 68 menscevichi e 14 menscevichi internazionalisti di Martov. Il resto erano principalmente senza partito, i quali però, come presto dimostrato dal voto, seguivano in gran parte i bolscevichi. I bolscevichi sostennero una mozione di Martov a favore della formazione di un governo di coalizione di tutti i partiti socialisti, mozione contrastata dai menscevichi e S.R., i quali chiarirono che stavano abbandonando il Congresso. Speravano di mobilitare il proletariato contro i bolscevichi, ma, dato che il proletariato sosteneva i bolscevichi, si sono semplicemente buttati, con le parole di Trotsky, nella “pattumiera della storia”. Se ne rese ben conto Il menscevico-internazionalista Sukhanov quando scrisse:

Con l'uscita dal Congresso, noi stessi abbiamo dato ai bolscevichi il monopolio del Soviet, delle masse e della rivoluzione.

Nonostante ulteriori tentativi compiuti dai Menscevichi Internazionalisti di Martov di formare una coalizione che comprendesse i partiti che avevano respinto il potere dei soviet, il Congresso ora sosteneva in maniera schiacciante l'insurrezione. Più o meno nello stesso tempo, il Palazzo d'Inverno cade nelle mani della classe operaia e i membri del governo provvisorio vengono arrestati - gli unici arresti compiuti dalla classe operaia. Kerenskij era in precedenza sfuggito per cercare di radunare le truppe della prima linea. Questa si è rivelata un'altra dimostrazione della schiacciante vittoria dei bolscevichi perché i suoi tentativi si sono conclusi quasi con il suo stesso arresto. Travestito da donna fugge dalla Russia per scrivere memorie menzognere presso la Harvard Law School nel mezzo secolo successivo.

Nel frattempo Lenin salutava il Congresso dei Soviet con la semplice affermazione “Ora procederemo a costruire l'ordine socialista”. La vera storia della rivoluzione della classe operaia russa era iniziata ...

Lista dei libri principali testi a cui abbiamo fatto riferimento

Ci sono letteralmente centinaia di testi sulla rivoluzione russa e ne abbiamo consultati molti di più di quelli qui riportati. Quello che segue è semplicemente l’elenco delle edizioni in inglesi che abbiamo citato. A parte queste ultime, si è fatto riferimento a edizioni pubblicate a Londra.

  • J. Carmichael, A Short History of the Russian Revolution, 1980.
  • E.H.Carr, The Bolshevik Revolution (Volume One), 1972
  • M. Ferro, The Bolshevik Revolution, 1985.
  • N. Harding, Lenin’s Political Thought, 1983.
  • M. Leibman, Leninism under Lenin, 1980.
  • A. Rabinowitch, The Bolsheviks Come to Power, 1979.
  • F. Raskolnikov, Kronstadt and Petrograd, 1982.
  • N. Sukhanov, The Russian Revolution 1917, 1984 (Princeton, NJ).
  • L. Trotsky, The History of the Russian Revolution, 1977.
Giovedì, August 10, 2017

1917-2017 - Rivoluzione d’ottobre

Nel 2017 ricorre il centenario della rivoluzione russa. Non ci interessano celebrazioni retoriche e cerimonie rituali. Riteniamo invece che sia utile cogliere l’occasione per proporre un percorso di letture che contribuisca a far riflettere, evidenziando le conquiste sul piano politico ottenute grazie all’esperienza dell’Ottobre, i limiti di quella rivoluzione e sfatando i tanti miti che si sono costruiti intorno a quanto è avvenuto dopo, con lo “stalinismo”.

Authored: 
Sabato, April 1, 2017