Campagna abbonamenti Battaglia Comunista: una voce che non può mancare

A causa delle esigenze di conservazione del modo di produzione capitalistico attanagliato da una profonda crisi, miliardi di uomini si accalcano, lottano fra di loro, sfidano su imbarcazioni sgangherate i pericoli del mare pur di poter offrire sul mercato del lavoro globalizzato la loro unica risorsa: la forza-lavoro. Altri milioni, che quel mercato ha già assorbito, pur circondati da negozi dalle cui scintillanti vetrine trabocca ogni sorta di merci, tirano la vita con la paglia e con i denti quando non la perdono a causa di qualche incidente sul lavoro. Altri ancora, invece, ma in numero estremamente ristretto accumulano nelle loro mani ricchezze che neppure mille e mille delle loro future generazioni potranno mai consumare.

Nonostante ciò le voci che, attribuendo questo scandalo a fantasmi dalle mutevoli sembianze a seconda delle circostanze, sostengono la necessità di difendere con ogni mezzo proprio questo infame modo di produzione e poco importa se perciò la guerra imperialista, già permanente, rischi di estendersi all’intero pianeta facendone non già soltanto un’immensa pattumiera per rifiuti di ogni genere, ma anche un unico terribile teatro di guerra.

Mai come oggi vi è dunque il bisogno di voci che si levano a denunciare le cause vere dello scandalo e dimostrino con la loro critica puntuale che l’unico possibile rimedio è la costruzione di una nuova società basata su un nuovo modo di produzione che abbia come scopo la soddisfazione dei bisogni degli uomini e non lo smodato arricchimento di pochi.

Battaglia Comunista, come sta a dimostrare la sua storia, è sicuramente, benché flebile, una di queste rare voci, ma rischia di spegnersi perché i costi per la sua pubblicazione sono, a causa dell’inflazione, aumentati ancora.

Ad ogni modo, per farcela a sopravvivere e, se possibile, a migliorarsi, non ha tanto bisogno di aumentare il suo prezzo di vendita, ma le basta che i suoi lettori le rimangano fedeli e soprattutto che i suoi abbonati si ricordino di rinnovare l’abbonamento e che gli uni e gli altri diano una mano a fare altri lettori e altri abbonati.ù

Alleghiamo a questo numero del giornale un bollettino di c.c. postale preintestato con cui chi non l’ha già fatto potrà rinnovare l’abbonamento che anche per l’anno 2008 costa solo 10 euro. Con 20 euro ci si può invece abbonare a Battaglia e Prometeo insieme. A tutti coloro che sottoscriveranno entrambi gli abbonamenti, versando un minimo di 30 euro, sarà inviata una copia del volume I nodi irrisolti dello stalinismo - AAVV oppure, a scelta, il volume di O. Damen Gramsci tra marxismo e idealismo, il volume di M. Stefanini Criticando Negri, tutti editi dall’Istituto Prometeo.

La spedizione del giornale sarà invece sospesa a coloro che entro il prossimo marzo non avranno provveduto a rinnovare il loro abbonamento.

Battaglia Comunista

Mensile del Partito Comunista Internazionalista, fondato nel 1945.

Abbonamento annuale: € 15,00 (10 numeri)